A Milano convegno partecipato contro l’utero in affitto.

articolo di ©Patrizia Cordone giugno 2022. Tutti i diritti d’autore riservati.

Il resoconto completo – Il 21 maggio 2022 a Milano presso la sede prestigiosa della sala conferenze del Museo del risorgimento di Palazzo Moriggia in via Borgonuovo 23, con il patrocinio del comune di Milano, si é svolto il convegno “Gravidanza e genitorialità: tra intimità e mercato”, cioè della pratica dell’utero in affitto nota con l’acronimo “gpa” gestazione per altri.

Riguardo la tematica questo sito è contrario come evidenziato dalla sezione apposita dedicata gpa utero in affitto in linea al contrasto della prostituzione e della pornografia, tutte pratiche di sfruttamento e di mercificazione del corpo femminile ridotto a mero oggetto e merce di scambio contro il rispetto della dignità umana. Che tali pratiche siano fonti di lucro a vantaggio da una parte del business medico e dall’altra della criminalità organizzata, tutte a livello internazionale, dovrebbe allertare di più circa i reali interessi in gioco.

Il convegno è stato promosso ed organizzato dalla rete “Dichiariamo” composto da donne singole a titolo personale, da Arcilesbica, La Comune, Libreria delle donne di Milano, Libere Femministe Genova, Se Non Ora Quando – Libere. Sono state-i ospiti-relatrici e relatori alcune importanti figure istituzionali sia comunali che nazionali quali Roberta Osculati, vicepresidente del consiglio comunale di Milano, consigliera comunale; Alice Arienta, vicepresidente della commissione cultura, consigliera comunale di Milano; Valeria Valente,  senatrice della Repubblica, presidente della Commissione parlamentare sul femminicidio; Patrizia Toia,  europarlamentare, vicepresidente della Commissione per l’industria, la ricerca e l’energia; M. Crucioli, senatore della Repubblica Italiana, presidente del gruppo CAL Costituzione, Ambiente, Lavoro.

Presente anche Nuria C. Sopeña, giornalista e scrittrice femminista spagnola, insignita di vari premi giornalistici e componente della CIAMS  coalizione internazionale per l’abolizione della maternità surrogata, il cui intervento programmato ha consentito un respiro e confronto internazionale al convegno.

Tanti sono stati gli interventi qualificati compiuti da Silvia Baratella – Libreria delle Donne di Milano; Francesca Marinaro – Snoq Libere – politica, scrittrice; Roberta Trucco – Libere femministe, giornalista e scrittrice e molti altri. A fare gli onori di casa Cristina Gramolini, presidente di Arcilesbica nazionale e Laura Locci, attivista de La Comune.

Si è rivelata una partecipazione numerosa, densa di interventi da parte del pubblico attento e molto motivato. Inoltre il convegno ha beneficiato di una buona copertura dei principali mass-media accorti alla tematica affrontata: noi donne, Micromega, Avvenire soltanto per citarne alcuni.

Per quante-i non abbiano assistito al convegno oppure presenti  e vogliono riascoltarli si riportano i link degli interventi completi dei nomi e della durata singola. Buon ascolto e buona visione.

Realizzazione delle registrazioni e del montaggio svolta da Emma Quazzo e da Flavia Franceschini.

Le foto sono tratte dalla pagina facebook di Arcilesbica nazionale.

immagine di copertina tratta da internet.

articolo di ©Patrizia Cordone giugno 2022. Tutti i diritti d’autore riservati.